SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Il Giovane Karl Marx

  • Uscita:
  • Durata: 112min.
  • Regia: Raoul Peck
  • Cast: August Diehl, Stefan Konarske, Vicky Krieps, Hannah Steele, Amy Wren, Olivier Gourmet, Alexander Scheer, Michael Brandner, Niels Bruno Schmidt
  • Prodotto nel: 2017 da NICOLAS BLANC, RAOUL PECK, RÉMI GRELLETY, ROBERT GUÉDIGUIAN PER AGAT FILMS & CIE, VELVET FILM, IN COPRODUZIONE CON BENNY DRECHSEL PER ROHFILM, PATRICK QUINET PER ARTÉMIS PRODUCTIONS
  • Distribuito da: WANTED IN COLLABORAZIONE CON VALMYN

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

All'età di 26 anni, Karl Marx si mette insieme alla moglie Jenny sulla strada dell'esilio. Nel 1844 a Parigi conosce il giovane Friedrich Engels, figlio del proprietario di una fabbrica, che studiava gli inizi del proletariato inglese. Engels, una specie di dandy, dà a Marx il pezzo mancante del puzzle che ricompone la sua nuova visione del mondo. Insieme, tra censura e raid della polizia, rivolte e sollevamenti politici, presiederanno alla nascita del movimento operaio, che fino a quel momento era per lo più disorganizzato e improvvisato. Un movimento che, guidato, contro ogni aspettativa, da due giovani uomini di buona famiglia brillanti, insolenti e perspicaci, diventerà la più totale trasformazione teoretica e politica del mondo dal Rinascimento.

Dalla critica

  • Cinematografo

    Tutti i film biografici nascono con un peccato originale, vale a dire l’intento velleitario di riuscire a condensare, nel breve spazio di due ore, un’intera esperienza individuale, di vita, di pensiero e di sentimento. Ragion per cui, anche nei casi migliori, l’effetto finale è di sfilacciamento, di occasione mancata. Sfugge a questo destino, anche se solo parzialmente, Il giovane Karl Marx diretto dall’haitiano Raoul Peck che, pure, ha la buona intuizione di concentrare la propria attenzione sugli anni parigini dell’autore del Capitale , narrando l’incontro con Friedrich Engels agli albori del movimento operaio e la conseguente definizione di un sistema di pensiero che ha segnato in maniera decisiva la storia moderna. Ricostruzione storica efficace – splendidi il comparto scenografico e la fotografia desaturata, – e buon mestiere per una biografia cinematografica che scampa, per una volta, alla terribile moda dell’attualizzazione ad ogni costo. August Diehl, chiamato a interpretare l’autore del Capitale , è spesso sopra le righe ma la sua è un’interpretazione intesa, ricca di sfumature. Nel ruolo di Jenny Marx, infine, spicca l’ormai lanciatissima Vicky Krieps, reduce dai fasti de Il filo nascosto .

  • Il Manifesto

    Un film di Raoul Peck, vale a dire un'opera in cui si mescolano insieme e in parti il più possibile uguali degli elementi biografici, intimi, politici, storici. Ora, nel caso dell'oggetto Marx, ognuno di questi aspetti poteva dare luogo ad un'interpretazione, nella misura in cui l'ordine di presentazione è sempre una maniera di esporre un rapporto di causa a effetto: la vita sull'opera, la politica sulla vita, il carattere sulla politica, la teoria su tutto il resto... È chiaro che in un film, e in particolare in un film in costume, è la parte romanzata a prendere il sopravvento. Fin dalla prima sequenza, però Raoul Peck e il suo sceneggiatore Pascal Bonitzer hanno cercato di riequilibrare il tutto mettendo al centro il lavoro teorico, cosa notoriamente non facile da filmare. (...) il racconto della miseria economica in cui versa l'autore del Capitale, permette al regista di togliere al lato dickensiano il ruolo di traino del film. Ma Peck ha voluto evitare di fare un film pedante. Ha cercato di concentrare il pensiero di Marx in un concetto unico che irriga tutto: l'idea del conflitto. (...) In questo sforzo di piegare le regole del biopic ad un esigenza pratico-teorica il film è ammirevole, così come il tentativo di restituire tutti i lati possibili della personalità di Marx: il genio, l'uomo, il suo pensiero, i suoi limiti - e il suo rapporto speciale con Jenny e con Engels. Ma il risultato è un film che decide di scegliere il meno possibile: evita di farsi schiacciare da un materiale potenzialmente infinito, al prezzo di addomesticarne la potenza.

  • L'Unità

    (...) un'opera in costume, una ricostruzione storica corretta ma senza grandi voli.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Calcutta - Tutti in piedi

  • Uscita:
  • Regia: Giorgio Testi
  • Cast: Edoardo D'Erme, Dario Brunori, Francesca...

6 agosto 2018. Calcutta riempie l'Arena di Verona con un sold out annunciato mesi prima. La serata che ha emozionato...

Colette

  • Uscita:
  • Regia: Wash Westmoreland
  • Cast: Keira Knightley, Dominic West, Eleanor Tomlinson,...

Dopo aver sposato un famoso scrittore parigino noto comunemente come "Willy", Sidonie-Gabrielle Colette viene...

Scheda e recensioni

Non ci resta che vincere

  • Uscita:
  • Regia: Javier Fesser
  • Cast: Javier Gutiérrez, Sergio Olmo, Julio Fernández,...

Marco è allenatore di una squadra di basket professionista di alto livello. Sorpreso alla guida in stato di ebrezza...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...